CLIENT ALERT GIUGNO 2018: LA COMMISSIONE GIOCA LA CARTA DEL REGOLAMENTO DI BLOCCO CONTRO LE SANZIONI USA ALL’IRAN. DUBBI SULLA SUA EFFICACIA

È stata pubblicata ieri la bozza di Regolamento delegato della Commissione del 6 giugno 2018 che modifica l’Allegato al Regolamento (CE) n. 2271/96, che reca la lista delle norme USA a portata extraterritoriale che l’Unione considera illecite e per le quali vuole offrire protezione alle imprese europee. Questa iniziativa è il perno della strategia di risposta della UE al ritiro degli Stati Uniti dal Joint Comprehensive Plan of Action (“JCPOA”), annunciato dal Presidente Donald Trump lo scorso 8 Prosegui la lettura →

Nasce [AT+ICA] la prima rete europea di avvocati esperti in international trade compliance

Marco Padovan eletto primo presidente. Venerdì 1° giugno 2018, in una sala del Palazzo Municipale di Bruxelles è stata costituita la European Association of Trade & Investment Control Compliance Attorneys [AT+ICA], la prima rete europea di avvocati esperti in materia di controllo delle esportazioni, sanzioni economiche internazionali e controllo degli investimenti. La rete, che conta sedici membri fondatori in rappresentanza dei principali Stati europei, ha eletto Presidente l’avvocato Marco Padovan, fondatore dello Studio Legale Padovan. In un periodo Prosegui la lettura →

In vigore la “Counter Sanctions Law” russa nei confronti di soggetti e imprese di paesi sgraditi (USA in testa) – possibili risvolti per gli operatori italiani

Il 4 giugno 2018 è entrata in vigore la legge russa n. 441399-7, nota come “Counter Sanctions Law”. Si tratta di una legge-quadro che attribuisce al presidente ampi poteri in materia di misure restrittive applicabili nei confronti di soggetti appartenenti ai cc.dd. “paesi non amichevoli”. Il presidente russo, autonomamente o su iniziativa del governo, avrà il potere di indicare una lista di paesi, nei confronti dei quali sarà possibile adottare misure restrittive scelte da un ‘menù’, che prevede: Prosegui la lettura →

Il vicolo ora è cieco anche per le imprese italiane

di Farian Sabahi il manifesto – 10 maggio 2018 Scenari economici. Gli istituti di credito iraniani sono già in difficoltà perché stanno scontando l’esclusione dai circuiti finanziari internazionali Ayatollah e pasdaran si ritrovano in un vicolo cieco, quello che in persiano chiamiamo bombast: obbligati a rispettare l’accordo sul nucleare, non ne traggono vantaggio. Rifiutando di rinnovare il waiver sulle sanzioni, il presidente statunitense Donald Trump ha sacrificato 20 miliardi di dollari che l’americana Boeing avrebbe fatturato rinnovando la Prosegui la lettura →